Very low carb diets could be incompatible with exercise

dr. M Zanetti

While very low carbohydrate (ketogenic) diets are popular with those trying to lose weight, there are concerns that such diets may not support the desire for exercise. This hypothesis was investigated by a US research team at Arizona State University.

Untrained overweight adults were randomly assigned to a ketogenic diet or a control diet, which was higher in carbohydrates. Both diets were designed to promote weight loss and were consumed for 2 weeks. The macronutrient content of the diets was 5% energy from carbohydrate, 65% from fat and 30% from protein in the ketogenic diet. In the control diet, the respective figures were 40%, 30%, and 30% of energy. Exercise testing was carried out at baseline and at the end of the study.

Average weight loss was similar over the 2-week period for both groups. As expected, subjects following the ketogenic diet demonstrated a large build up of blood ketones, indicating that their bodies were burning fat. Having a high blood ketone level was significantly associated with greater perceived effort during exercise and an increased feeling of fatigue.

The authors concluded that very low carbohydrate ‘ketogenic’ diets could reduce the desire to exercise and, thus, be counter productive for weight management.

For more information, see 
White AM et al (2008). Blood ketones are directly related to fatigue and perceived effort during exercise in overweight adults adhering to low-carbohydrate diets for weight loss: A pilot study. Journal of the American Dietetic Association, Vol 107, pages 1792-96.

RICETTE CON CAROTE TORTA E MELANZANE RAGU

di Dott.ssa Cristiana Lonigro

“Nessuno di noi aveva più fame, ma è proprio questo il bello del momento dei dolci: tutta la loro raffinatezza si coglie solo quando non li mangiamo per placare la fame, solo quando l’orgia di dolcezza zuccherina non soddisfa un bisogno primario, ma ci ricopre il palato di tutta la benevolenza del mondo”.

da Estasi culinarie di Muriel Barbery

Le carote contengono beta-carotene (precursore della vitamina A) che protegge gli epiteli, cioè pelle, mucose e ghiandole ed è un potente antiossidante. Sono ricche di sali minerali tra i quali prevalgono calcio, ferro, fosforo, potassio, magnesio, manganese e zinco.

La carota cotta svolge un’azione lenitiva nei confronti dell’apparato digerente e regolarizza le funzioni intestinali.

ingredienti

400 grammi di carote,

3 uova,

200 grammi di zucchero,

300 grammi di farina (oppure farina di grano saraceno),

1 bicchiere di olio di semi, 1 bustina di lievito, un pizzico di sale.

preparazione

tritate le carote nel mixer e tenetele da parte.

Mescolate insieme uova, zucchero, poi aggiungete l’olio e

 la farina unita al lievito e al sale.

Quando avrete ottenuto un impasto omogeneo mescolateci le carote.

Mettete il tutto in una tortiera foderata di carta forno

e cuocete in forno preriscaldato

a 180° per 20/25 minuti (dipende dal forno che avete). Vale la prova stecchino.

Decorate con zucchero a velo, o zucchero di canna.

Una volta cotta la torta, potete farcirla con marmellata di arance amare.

salto di qualità 80 gr di burro e uvetta

              

A

“Via la soia, niente fagioli azuki, basta col riso basmati. Gorgonzola. Gorgonzola a pranzo e a cena. Sì al bollito misto. Ok alle acciughe al verde. E la mattina appena svegli un bel bicchiere di bagna cauda. Fredda”.

da Col cavolo di Luciana Littizzetto

Il valore nutritivo delle melanzane (di qualsiasi varietà) non è consistente:

contengono infatti poche calorie e una bassa presenza di grassi,

proteine e glucidi.

Sono ricche di acqua, e quindi utili alla diuresi,

potassio, vitamina A e C,

fosforo, calcio, tannino e contengono pochi zuccheri. 

ingredienti

1 melanzana,

2 peperoni,

2 zucchine,

3 carote,

½ cipolla,

2 rape (se grandi, altrimenti 5 piccole),

2 hg di zucca,

2 hg di cavolo nero o verza,

3 patate,

3 pelati o 5 cucchiai di passata rustica,

1 cucchiaio di brodo granulare o dado o preferibilmente brodo vegetale fatto in casa con cipolla, carota e sedano,

olio d’oliva,

qualche pizzico di sale,

peperoncino o tabasco rosso a piacere

preparazione

lavate e asciugate le verdure.

Tagliate in grossi pezzi (indicativamente 1,5 x 1,5 cm)

i peperoni, le melanzane, le zucchine, le rape, la zucca e

le patate e mettete in una padella capiente.

Sbucciate le carote,

tagliatele a rondelline e unite al resto.

Affettate a striscioline la cipolla e il cavolo (o la verza)

e

mescolate insieme agli altri ingredienti,

unendo l’olio

e la passata (o i pelati).

cottura

cuocete stufando con il coperchio; per evitare che le verdure attacchino

 o si brucino,

aggiungete dell’acqua calda, massimo un bicchiere e ½ per volta

e mescolate con garbo.

A metà cottura dosate il dado, il sale e il peperoncino a vostro gusto;

nel caso in cui scegliate di usare il brodo fatto in casa, usatelo al posto dell’acqua calda.

Anche la cottura è soggettiva:

la cottura corretta prevede le carote non troppo molli e

 le patate ben cotte,

la consistenza cremosa nell’insieme,

ma che lasci integro

il sapore di ciascun ingrediente.

Accompagnare a carne, pesce, uova o formaggi freschi.

salto di qualità: il segreto è preparare

il ragù di verdure

un giorno prima e lasciar ‘riposare’ per ventiquattro ore.

Questa pietanza è molto versatile:

eliminando le patate

otterrete un ottimo condimento

per la pasta;

 aggiungendo i ceci,

potrete servire un cous cous vegetariano;

con ricotta, uova e pasta brisée

(meglio eliminare le patate in questo caso)

 otterrete

una saporita torta di verdure.